C’è anche Roberto Pompanin “Bortel” nella corsa a sindaco di Cortina
    

Ricerca avanzata

Tutte queste parole:
Frase esatta:
    
logo

Ricerca sul sito

Ricerca normale (una di queste parole):
Tutte queste parole:
Frase esatta:

C’è anche Roberto Pompanin “Bortel” nella corsa a sindaco di Cortina

Marina Menardi

16/05/2022

Sono ufficialmente quattro le liste che si contenderanno la poltrona di primo cittadino e di consigliere comunale a Cortina d’Ampezzo da qui al 2027, con il grande evento delle Olimpiadi da gestire tra meno di quattro anni.

A fianco a Ghedina, Lorenzi e de Zanna ci sarà anche Roberto Pompanin “Bortel”. Già cinque anni fa Pompanin aveva fatto un tentativo di candidatura poi abbandonato; quest’anno invece la lista è stata formalizzata, presentata e ammessa.

«Cortina non è più quella che ho visto e conosciuto quando abitavo qui. All’epoca c’erano più cose da fare sia per i giovani, che per gli anziani, mentre oggi è difficile trovare supporto in qualsiasi ramo, soprattutto per gli anziani e i meno abili. L’obiettivo è quello di dare l’opportunità ai giovani affinché rimangano qui, altrimenti perdiamo la nostra identità» spiega.

«Le opportunità si creano usando i fondi PNNR oggi a disposizione per aprirci al mondo esterno. Il nostro programma è coperto in ogni punto dai fondi cui si può attingere seguendo un protocollo preciso».

Andare avanti, quindi, ma senza sconvolgere. Pompanin porta ad esempio il progetto della stazione. «Sì alla sistemazione della stazione, ma no a 25 unità abitative. Dobbiamo fare attenzione a non globalizzarci troppo, dobbiamo mantenere la nostra identità, non perdere il bello che abbiamo e enfatizzare piuttosto quello che già c’è».

Sulle Olimpiadi, il concetto è di «vigilare in modo che possano essere fatte al meglio, portando a noi i giusti benefici».

La squadra di Roberto Pompani “Bortel” candidato sindaco è così composta: Giovanna Martinolli, Paolo Constantini "Febar", Andrea Alvera' "Matiuco", Barbara Pompanin "Bartolda", Marco Fazio, Romano Comaro, Barbara Zardini "Zesta", Jgor Scappin, Leonardo Girardi "Leo Gira", Tatiana Alvera' "Pazifico".

IL LOGO

"Cortina Nostra"è il nome che riprende la tradizione e la storia di Cortina, così come la scelta dei due colori bianco e celeste. Il rosso, invece, è il colore della passione: proprio sul rosso è scritto il nome della lista.
- L'hashtag riprende il tema dell'innovatività accanto a storia e tradizione. È un elemento che rappresenta la comunicazione tramite social e quindi strizza l'occhio verso il futuro e i giovani.
- Le 5 torri come paesaggio che rappresenta Cortina e in linea con la candidatura di un sindaco figlio di uno dei fondatori del gruppo degli Scoiattoli.
- infine l'elemento dei colori delle Olimpiadi: fa capire l'importanza dell'evento e, a nostro avviso, riprende anche i colori della bandiera della pace. La forma ricorda molto quella di una discesa libera (riprende il tema della discesa in generale, che possa essere con gli sci o con il bob), un concetto immortale di Cortina. Da destra incrementa in larghezza verso sinistra, dando così un senso di velocità.