Cortina, elezioni comunali: Roberta de Zanna presenta la lista CORTINA BENE COMUNE
    

Ricerca avanzata

Tutte queste parole:
Frase esatta:
    
logo

Ricerca sul sito

Ricerca normale (una di queste parole):
Tutte queste parole:
Frase esatta:

Elezioni comunali: Roberta de Zanna presenta la lista CORTINA BENE COMUNE

Marina Menardi

12/05/2022

Roberta de Zanna ha presentato giovedì mattina ai giornalisti davanti al Municipio la sua lista CORTINA BENE COMUNE che concorrerà alle prossime elzioni comunali di Cortina, accompagnata dal candidato consigliere Renzo Stefani, annunciando con soddisfazione di aver concluso tutta la parte burocratica, compresa la raccolta delle firme di sostegno.

«Con l’espletamento delle formalità burocratiche e la raccolta delle firme di sostegno, siamo finalmente pronti per presentare la lista che concorrerà alle prossime elezioni comunali del 12 giugno a Cortina d’Ampezzo con la denominazione CORTINA BENE COMUNE» ha detto de Zanna. 

Oltre a Renzo Stefani "de Stefin", gli altri candidati sono: Francesca  Talamini, Pietro Gaspari “Bandion”, Patrizia Perucon, Silverio Lacedelli, Lia Durante, Lorenzo Zardini "de Zardin", Serenella  Lombardi, Jacopo Lorenzi “ de ra Becarìa”, Vittoria Broglio.
 

Nella foto di Diego Gaspari Bandion: da sx Serenella Lombardi, Jacopo Lorenzi "de ra Becarìa", Lia Durante, Patrizia Perucon, Renzo Stefani "de Stefin", Roberta de Zanna, Silverio Lacedelli, Vittoria Broglio, Lorenzo Zardini "de Zardin", Francesca Talamini, Pietro Gaspari Bandion

«Partiamo dal nome: Cortina è un BENE prezioso e fragile, è patrimonio Unesco e in quanto tale va trattato e salvaguardato. Il BENE è inteso anche come benessere di chi ci abita, della comunità locale troppo spesso trascurata in nome di grandi eventi o interessi superiori, e COMUNE perché, proprio per la sua unicità, è di tutti e di nessuno.

Noi che abbiamo il privilegio di vivere qui abbiamo anche il dovere di gestire il paese non in funzione di interessi personali o di categorie economiche, tanto più se esterne alla comunità locale, bensì con oculatezza e tenendo sempre presente i bisogni della comunità nel suo insieme e soprattutto con una maggiore attenzione alle generazioni future, perché possano ancora godere di questo territorio e non dover pagare il prezzo delle nostre scelte sbagliate.

Il simbolo riprende i colori verde e azzurro della nostra terra e riporta un intreccio di mani arancione e ocra a formare un cuore, e sottolineano il patto che vogliamo stringere con i nostri cittadini nel portare avanti la visione del paese in cui crediamo. In basso è riportato il nome della lista CORTINA BENE COMUNE; volutamente non abbiamo voluto evidenziare il nome del candidato Sindaco perché noi siamo un gruppo, lavoriamo e condividiamo come gruppo al di là di ogni personalismo.

La lista si compone di una parte che definirei storica, in quanto abbiamo già condiviso un’esperienza amministrativa risalente a 30 anni fa e da allora siamo sempre rimasti presenti ed attivi riguardo le problematiche del paese, non solo dal punto di vista ambientale, ma anche sociale ed economico. A questi si è aggiunto un gruppo di giovani che hanno a cuore il futuro di Cortina e che hanno portato idee nuove e nuovo entusiasmo. 
Abbiamo voluto formare un gruppo di lavoro attorno ad un’idea di paese condivisa, non ci siamo posti il problema dei “nomi di spicco” o di portatori di interessi di categoria, non è questo il nostro modo di operare: prima degli interessi di categoria o di chi urla più forte noi vogliamo porre sempre il BENE COMUNE.

Oramai ogni scelta che riguarda Cortina non può più prescindere dai cambiamenti in atto, siano essi sociali, climatici, culturali: non si possono più proporre progetti vecchi di anni, non si può più pensare ad un tipo di sviluppo basato sul consumo di suolo o sulla corsa ai grandi numeri; questa comunanza di idee tra giovani e meno giovani della lista è il nostro punto di forza, perché ci spinge verso il futuro di Cortina e dimostra che si può essere vecchi con idee giovani e giovani con idee vecchie come quelle proposte da altre forze in campo.