La chiesa e la pala di San Nicolò a Ospitale di Cortina d'Ampezzo
    

Ricerca avanzata

Tutte queste parole:
Frase esatta:
    
logo

Ricerca sul sito

Ricerca normale (una di queste parole):
Tutte queste parole:
Frase esatta:

La chiesa e la pala di San Nicolò a Ospitale di Cortina d'Ampezzo

Redazione

04/08/2021

La piccola chiesa di San Nicolò ad Ospitale, consacrata nel 1226, fu eretta dalla Comunità d'Ampezzo lungo la celebre strada di Alemagna, per la quale transitavano viaggiatori e merci diretti al nord o a Venezia. Situata presso la locanda dove sostavano i viaggiatori, nel percorso tra Cortina e Dobbiaco, ha conosciuto successivi ampliamenti ed è sopravvissuta a guerre e conquiste.

L’arch. Agostino Hirschstein, che ha curato il restauro, ne racconterà la storia, mentre la dott. Barbara Fabjan si soffermerà sulla bella pala d’altare cinquecentesca con “Maria, San Nicola e San Biagio” che ha recentemente studiato.


Agostino Hirschstein
Libero professionista ampezzano che si occupa prevalentemente del restauro e della valorizzazione di beni culturali architettonici nella provincia di Belluno. Il suo primo importante compito riguardò proprio il progetto di consolidamento e ripristino della chiesa di Ospitale; fra i vari incarichi, ha collaborato per molti anni con la Soprintendenza del Veneto per il restauro del Castello di Andraz nel comune di Livinallongo e, per conto delle Regole d'Ampezzo e del Comune di Cortina, ha co-progettato e diretto i lavori di recupero dell'ex forte austriaco al Passo di Valparola, ora Museo della Grande Guerra.


Barbara Fabjan
Storico dell’arte del Ministero per i beni culturali, ha lavorato presso le Soprintendenze di Milano e Roma, dove ha diretto importanti restauri, come quello del Cenacolo vinciano e della Certosa di Pavia, del Salone dei Corazzieri al Palazzo del Quirinale e dei capolavori di Pinturicchio e Bernini nella chiesa di S. Maria del Popolo a Roma. Ha organizzato numerose mostre, tra cui la fortunata “Dama con l’ermellino” al Quirinale e ha diretto l’Archivio fotografico della Soprintendenza di Roma. È autrice di numerosi studi e pubblicazioni. Soggiorna da molto tempo a Cortina e dal 2010 ha sempre collaborato con il Festival musicale Dino Ciani per il programma storico-artistico.

Numero massimo 41 persone, preferibilmente con prenotazione al numero 0436 866222. È d'obbligo presentare il green pass