Proseguono le ricerche a San Vito di Cadore. Trovati due corpi senza vita
    

Ricerca avanzata

Tutte queste parole:
Frase esatta:
    
logo

Ricerca sul sito

Ricerca normale (una di queste parole):
Tutte queste parole:
Frase esatta:

Proseguono le ricerche a San Vito di Cadore. Trovati due corpi senza vita

Redazione

05/08/2015

San Vito di Cadore (BL), 05-08-15
Proseguono le ricerche del turista scomparso sotto la frana di detriti innescatasi ieri sera lungo il torrente Rusecco.

Quando, allertata alle 21.10, la prima squadra del Soccorso alpino di San vito ha raggiunto il parcheggio della partenza della seggiovia di San Marco si trovata di fronte molte macchine travolte. Quattro soccorritori hanno quindi deciso di scendere lungo il torrente e verificare che non vi fossero vetture trascinate a valle. Ed stato all'altezza di una briglia che hanno scorto la macchina straniera in bilico, con una ragazza che si sporgeva dal finestrino, incastrata.

I quattro soccorritori hanno provveduto ad estrarla, mentre arrivava una seconda squadra portando la barella. La donna, che continuava a dire che con lei c'era anche il marito, stata trasportata fino all'Hotel Roma e affidata all'ambulanza diretta all'ospedale di Pieve di Cadore, mentre iniziavano le ricerche del compagno, la cui presenza subito stata esclusa all'interno dei resti dell'abitacolo. La coppia stava dormendo in macchina, quando la frana ha trascinato la loro auto a valle assieme ad altre 4 vetture, una portata dalla massa di sassi e acqua fino a San Vito.

Durante le ricerche del compagno della ragazza estratta ieri dalla sua macchina trascinata dalla frana del torrente Rusecco, sono stati rinvenuti i corpi senza vita di due persone, al momento non identificate, uno un chilometro circa sotto la briglia dove si fermata l'auto della coppia, l'altro molto pi a valle. Il Soccorso alpino di San Vito di Cadore sta proseguendo, assieme agli altri enti, nella bonifica della massa detritica per escludere il coinvolgimento di altre persone.

Soccorso Alpino e Speleologico Veneto
Michela Canova