Precipita aereo da turismo nella zona tra Barcis e la Val Salatis, a cavallo tra le province di Bell
    

Ricerca avanzata

Tutte queste parole:
Frase esatta:
    
logo

Ricerca sul sito

Ricerca normale (una di queste parole):
Tutte queste parole:
Frase esatta:

Precipita aereo da turismo nella zona tra Barcis e la Val Salatis, a cavallo tra le province di Belluno e Pordenone.

Redazione

19/06/2013
Sono state recuperate questa mattina le salme dei due occupanti del Piper PA 28 precipitato ieri sulle montagne dell'Alpago. L'area dove caduto il velivolo, la cui rimozione al momento rinviata, sotto sequestro e perimetrata. In questo momento stanno scendendo anche le squadre del Soccorso alpino dell'Alpago, trasportate alle 6 in quota questa mattina dall'elicottero del Corpo forestale dello Stato.

Nella notte sono rimasti nel luogo dell'incidente alcuni vigili del fuoco, che hanno provveduto ad estrarre i corpi dell'uomo e della donna dalla cabina. Messa in sicurezza l'area, verso le 8, con l'aiuto dei soccorritori, le salme sono state imbarellate e recuperate con un gancio baricentrico dall'elicottero dei vigili che le ha poi trasportate a Malga Cate per affidarle al carro funebre.

Sulle cause dell'incidente, da cui si salvato solo il pilota, il francese D.S., 55 anni, che ha riportato un politrauma, far luce la magistratura. Di certo pare che il Piper, decollato da Locarno per Portorose, abbia toccato una prima volta i cespugli di mugo, per poi infilarsi una decina di metri pi avanti in una buca a circa 1.800 metri di altitudine nella Busa Federe in Val Salatis.

L'allarme era scattato ieri verso le 17.30, segnalato dallo stesso sistema automatico dell'aereo, che entra in funzione in caso di incidente. Poggio Renatico aveva quindi diramato l'allerta. Dopo una serie di sorvoli tra le province di Belluno e Pordenone, il relitto stato avvistato dall'elicottero dei carabinieri in Val Salatis. Il ferito, che si trovava all'esterno della carlinga, stato velocemente recuperato dal tecnico del Soccorso alpino di turno con l'equipaggio del Suem di Pieve di Cadore, per la presenza di pericoloso carburante a terra, ed stato trasportato all'ospedale di Belluno. Non si sa come mai l'aereo si trovasse all'interno della vallata fuori rotta, un testimone dice di averlo visto nella zona verso le 16. L'aereo ha le ali spezzate, una completamente staccata, la cabina intatta e i due occupanti hanno probabilmente perso la vita per la durezza dell'impatto.