logo Voci di Cortina
Cassa Rurale Cortina Cooperativa Cortina


Gli auguri di Andrea Franceschi, Sindaco di Cortina d'Ampezzo, per il nuovo anno

Cari concittadini, 12 mesi fa Cortina attraversava un momento difficile a causa di una campagna mediatica che aveva colpito il buon nome del nostro paese e dei nostri ospiti. Non va dimenticato poi che l'anno appena passato è stato un anno di resistenza anche sul fronte del bilancio comunale: ondate successive di tagli ai trasferimenti pubblici uniti all'accaparramento, da parte dello Stato, di buona parte del gettito imu, hanno messo sotto pressione i conti dell'amministrazione. Per questa ragione alcune opere sono state accantonate, altre rimandate nel tempo.

Ciononostante, ci siamo rimboccati le maniche e dopo un anno di duro lavoro la nostra Comunità può dire con orgoglio di essersi rialzata. L'inverno che stiamo vivendo sembra infatti essere partito col piede giusto. Turisti, proprietari di seconde case, appassionati di sci e di montagna sono venuti in gran numero. Siamo una località di montagna e lo siamo da sempre: una tra le più belle e genuine tra quelle esistenti al mondo; una tra le migliori dove praticare gli sport legati alla montagna o dove poter assaporare il profumo più autentico della cultura con la c maiuscola. Questo siamo, questo siamo riusciti a comunicare. E quello che abbiamo davanti è un anno di costruzione. Costruizione di opere pubbliche, di stabilità finanziaria, di rinnovata centralità di Cortina nel panorama della montagna italiana e internazionale.

Dal punto di vista infrastrutturale, lo spettro degli interventi, in quest'anno che viene, sarà tra i più importanti dai tempi dell’Olimpiade. Questo perché, con un misto di prudenza e lungirmiranza, siamo sempre riusciti a varare dei bilanci comunali solidi e affidabili che, anche in vista di possibili ulteriori ristrettezze, ci garantiranno stabilità e libertà di manovra. Davanti a noi si apre ora il cantiere della Cortina che verrà. Una Cortina nella quale si concretizzeranno finalmente quei progetti che rispondono alle nuove esigenze della nostra Comunità e dei suoi ospiti. Parlo dei parcheggi, in primo luogo, della palestra di roccia, del prossimo parco giochi, dei collegamenti impiantistici. Ma ci saranno anche molti altri interventi che miglioreranno la qualità della vita, la viabilità e i servizi in tante zone del territorio comunale, facendo di Cortina un posto sempre più bello in cui abitare, venire in vacanza e tornarci l'anno successivo. Da decenni mancava un piano di sviluppo così significativo e, finalmente, l'abbiamo messo in moto.

Ma non tutto ciò che è prezioso si misura in numeri e mattoni. Anzi. C'è tantissimo a Cortina che non ha massa eppure pesa tantissimo: parlo dello spirito solidale della nostra Comunità, dell'attivismo dei nostri imprenditori, delle moltissime associazioni e del volontariato. E' un valore che si rinnova di anno in anno e che rappresenta la spina dorsale del nostro paese.

C'è, infine, un altro valore immateriale sul quale vorrei potessimo contare, perché penso che valga quanto tutti gli altri messi insieme: è il valore della speranza. Dopo le difficoltà della crisi, dell'austerità e dei cambiamenti, quello che abbiamo davanti sarà un anno di costruzione e di rinnovamento; mi auguro e auguro a tutti che sia, anche, un anno di rinnovata fiducia nel futuro. Donne e uomini, giovani e anziani, dipendenti e imprenditori, tutti noi abbiamo bisogno di questa fiducia per costruire la Cortina di domani. E sono certo che tutti insieme ce la faremo.

Andrea Franceschi - Sindaco Cortina d'Ampezzo

01/01/2013 - Redazione


Voci di Cortina