logo Voci di Cortina
Cassa Rurale Cortina Cooperativa Cortina


La Legacy dei Mondiali si allontana sempre di più

A due anni dai Mondiali di sci, si vedono solamente piste allargate e una nuova area di arrivo. La piscina rimane ancora sulla carta, così come una palestra nuova, le strade e i parcheggi per migliorare la viabilità

La popolazione pare non avere a cuore l’evento dei Mondiali. Scarsa la partecipazione anche all’ultima presentazione dei lavori in corso, al cinema Eden. Forse è sufficiente analizzare le priorità delle opere in programma: ai primi posti ci sono piste e impianti; in terza fila, se va bene, piscina e poco altro, senza scadenza. La legacy, ovvero l’eredità attesa dal Territorio, si allontana sempre di più.

Fino ad un anno e mezzo fa era come un mantra; ora, la si sente pronunciare sempre meno: quasi con timore, o come presa di coscienza da parte degli stessi organizzatori dei Mondiali di sci, che il lascito a Cortina dell’evento iridato, rivestendola a nuovo con il suo rilancio nelle infrastrutture, si sta allontanando sempre di più.

Dal centro del paese si possono ammirare le piste allargate nella zona della Tofana e del Col Drusciè; a primavera partiranno i lavori di due nuovi impianti a fune. Quasi tutto fatto da privati.

Ma della piscina ancora non si vede niente: per la ristrutturazione della palestra, addirittura si ipotizza di non farla e di allestire una struttura provvisoria sopra i campi da tennis.

Non lamentiamoci se i Mondiali non sono la priorità della popolazione; chiediamoci, invece, se la popolazione sia una priorità per i Mondiali.

17/01/2019 - Associazione Comitato Civico Cortina

Pubblicato sul giornale n. 23 - Dicembre 2018


Voci di Cortina