logo Voci di Cortina
Cassa Rurale Cortina Cooperativa Cortina


Al via domani a Cortina i Campionati Mondiali Tiro con l'arco di Campagna, dal 4 al 9 settembre. Azzurri pronti a confermarsi tra i migliori del mondo

Saranno 31 le Nazioni al 26 Campionato Mondiale Tiro di Campagna. Sui percorsi allestiti a Cortina d'Ampezzo tra Pocol e il "Trampolino Olimpico Italia" per le finali di sabato 8 e domenica 9 settembre, saranno oltre 260 gli arcieri in gara e 50 i tecnici. In campo i migliori specialisti del mondo per difendere i titoli del 2016 che videro l'Italia al primo posto del medagliere nella rassegna iridata di Dublino.

Tutto pronto a Cortina d’Ampezzo per i Mondiali tiro con l'arco di Campagna. La competizione iridata arriva nella Regina delle Dolomiti per la seconda volta dopo l’edizione del 2000. I percorsi di gara allestiti tra Pocol e il "Trampolino Olimpico Italia" a Zuel, sede delle finali di sabato e domenica, sono pronti ad ospitare i migliori arcieri del mondo e la Nazionale azzurra, da padrona di casa, dovrà confermarsi come una delle realtà più vincenti nella specialità.

IL PROGRAMMA DI GARA

Martedì 4 settembre i Mondiali di Cortina inizieranno ufficialmente con i tiri di prova ufficiali presso Pocol e, alle ore 18:30, si svolgerà la cerimonia di apertura in Piazza Dibona. Dal giorno successivo si entrerà nel vivo della competizione con la prima parte della qualifica (24 bersagli a distanze sconosciute) presso i 3 percorsi allestiti a Pocol a partire dalle ore 10:00. La qualifica si completerà con il secondo turno, giovedì 6 settembre, (24 bersagli a distanze conosciute) sempre sui 3 percorsi di Pocol, con inizio alle ore 10:00.

Venerdì lunga giornata di scontri diretti individuali a Pocol, a partire dalle ore 9:15 che, in base al nuovo regolamento World Archery inaugurato lo scorso anno in occasione dei World Games di Wroclaw (Pol), vedranno i primi due atleti della gara di qualifica accedere direttamente alle semifinali e gli altri scontrarsi per guadagnarsi gli altri due posti disponibili per andare a giocarsi le semifinali.

Sabato mattina a Pocol, dalle ore 9:15, si disputeranno le semifinali individuali e successivamente i quarti di finale e le semifinali a squadre, mentre a partire dalle ore 18:00, presso il "Trampolino Olimpico Italia" a Zuel, si potrà assistere alle sfide a squadre per il bronzo e per l'oro che termineranno per le ore 21:45 circa con la cerimonia di premiazione.

Domenica 9 settembre la giornata conclusiva, sempre a Zuel, con le finali individuali di ogni classe e divisione. I match per il podio iridato prenderanno il via alle ore 9:00 e si concluderanno alle ore 18:30 con la cerimonia di premiazione.

LA STORIA AZZURRA AI MONDIALI CAMPAGNA

L’Italia è ormai da tempo una delle Nazioni più competitive nel tiro di campagna. Nelle venticinque edizioni dei Campionati Mondiali disputate dal 1969 ad oggi gli azzurri hanno conquistato 95 medaglie di cui 36 d’oro, 29 d’argento e 30 di bronzo. Ci sarebbe anche un altro oro, quello di Stefano Iaccarino tra gli Junior nel 2008, ma quella gara non valeva per il titolo iridato.

A proposito di campioni del Mondo la prima in assoluto fu Giuseppina Meini nel 1984 con l’arco nudo, un titolo che l’arciera rivinse nel 1988 a San Genesio, in provincia di Bolzano, un anno molto importante per l’Italia che conquistò i primi successi al maschile con Michele Oneto nell’arco nudo e con Andrea Parenti nello stile libero. Nel 1994 a prendersi il metallo più prezioso furono Alessandro Gaudenti nell’arco nudo e Andrea Parenti nell’arco olimpico che riuscì nella doppietta salendo sul tetto del mondo anche nel 1996. Negli anni 2000 brillò la stella di Michele Frangilli vincitore con il suo arco olimpico nelle edizioni del 2000, a Cortina, del 2002 e del 2006, nella stessa divisione al femminile nel 2004 a vincere fu Jessica Tomasi. Nel 2006 doppio trionfo azzurro nell’arco nudo grazie a Giuseppe Seimandi e a Luciana Pennacchi.

Due anni più tardi titolo iridato ancora per Jessica Tomasi nell’olimpico a cui seguirono quello nell’arco nudo di Sergio Massimo Cassiani e il titolo a squadre maschile con la selezione formata da Frangilli, Lodetti e Seimandi. Gli ultimi titoli arrivano dalle donne con Eleonora Strobbe d’oro nell’arco nudo nel 2010 e nel 2016 nel compound con Irene Franchini. Le donne sono riuscite infine a vincere il titolo mondiale nel 1992, quando la competizione era ancora sperimentale, nel 1998 e nel 2000.

Tanti i titoli iridati anche nella categoria Junior, il primo è datato 1988 e porta la firma di Andreas Lorenz nello stile libero. Dal 2004 in poi gli azzurrini vanno sempre a segno: nel 2004 ori nel compound per Stefano Zanobetti e nell’arco nudo per Irene Mausoli, due anni dopo titolo nell’arco nudo per Mattia Careggio. Il 2008 è l’edizione della vittoria nell’olimpico di Massimiliano Mandia, doppio titolo nel 2012 con Evelina Cataldo nell’arco nudo e con Sabrina Franzoi nel compound e doppietta anche nel 2014 con Alessio Noceti e Anna Carrasco nell’arco nudo.

L’ultima edizione è stata un trionfo assoluto con i fratelli Noceti iridati nell’arco nudo e Chiara Rebagliati nell’olimpico. Da segnalare anche le vittorie della squadra maschile nel 2006 (Bennati, Raffolini, Carreggio) e nel 2008 (Iaccarino, Mandia, Nava) e della squadra femminile (Benzini, Noceti, Rebagliati) nel 2016.

03/09/2018 - Redazione


Voci di Cortina