logo Voci di Cortina
Cassa Rurale Cortina Cooperativa Cortina


DOLOMITI NO TIR

Gli ambientalisti incontrano il sindaco di Cortina per affrontare il tema del traffico pesante, e propongo un divieto di transito dei valichi dolomitici dell’area Unesco per i veicoli superiori alle 7,5t (oppure con 4 o più assi, se fosse più facilmente gestibile), salvo carico o scarico

Rappresentanti delle associazioni ambientaliste hanno incontrato lunedì mattina il Sindaco di Cortina d'Ampezzo per fare il punto sulle varie proposte di limitazione al traffico pesante di transito nell' alto bellunese fino ad ora da più parte avanzate. Il Sindaco ha illustrato i risultati degli incontri  avuti col Prefetto di Belluno, precisando che a breve (un incontro è previsto in Prefettura giovedì prossimo) ci si aspetta di avere comunicazioni in merito.
In particolare, tra le possibili iniziative, si sta lavorando all'ipotesi di una chiusura al traffico pesante in occasione dell'apertura dei cantieri sull'Alemagna in vista dei Mondiali di sci 2021 per la giornata di venerdì ed eventualmente per alcune fascie orarie da determinarsi.
Gli ambientalisti hanno presentato la loro posizione (vedi allegata Proposta di Blocco TIR) ed hanno ribadita la necessità non solo di provvedere con urgenza e determinazione, ma soprattutto di agire in modo unitario e coordinato da parte di tutte le amministrazioni della Valle del Boite, del Cadore, del Comelico e anche della Val Pusteria.
E' infatti di tutta evidenza che il problema interessa tutte le valli dolomitiche ( e in particolare quelle attraversate da SS 51, SS52,  SR 48 ) e non è quindi pensabile ipotizzare blocchi e limitazioni che riguardino solo  alcune direttrici con l'unico effetto di aumentare il traffico in altre. Inoltre, le misure parziali e limitate ora allo studio vanno viste come un primo passo verso l'obiettivo finale e risolutivo che deve essere la chiusura al traffico pesante di puro transito dei passi dolomitici compresi nell'area Dolomiti Unesco.
L' auspicio è di potere lavorare insieme per avviare azioni virtuose che nel breve periodo contribuiscano alla soluzione di un problema che sta davvero esasperando le popolazioni locali.

WWF O.A. Terre del Piave
Mountain Wilderness
Comitato Peraltrestrade Carnia-Cadore
CIPRA Italia
LIBERA Nomi e Numeri contro le mafie
Italia Nostra sezione di Belluno
Ecoistituto Veneto “Alex Langer”
Gruppo Promotore Parco del Cadore
 

06/06/2018 - Redazione

Consulta l'allegato


COLLEGAMENTI

Associazioni e volontariato

Tutti gli articoli di questa categoria

Voci di Cortina