logo Voci di Cortina
Cassa Rurale Cortina Cooperativa Cortina


Le colonnine illegali

Gli Speed Check installati dal comune di Cortina non sono a norma e andrebbero rimosse. L'appello di un lettore di Voci.

Faccio riferimento alle molteplici lettere inviate a Cotesta redazione in passato nella speranza e con l'auspicio rivelatosi sino ad ora vano che la amministrazione comunale di Cortina intervenisse come suo dovere.

A seguito di una recente Nota Ministeriale ed in risposta ad una amministrazione prefettizia che ne aveva fatto esplicita richiesta, viene confermata una circostanza che era stata gią oggetto di mie considerazioni:
"le amministrazioni locali che utilizzano Speed Check e Velo Ok come deterrente (e quindi nella maggior parte dei casi), ovvero senza montare telecamere al loro interno, agiscono senza rispettare le norme vigenti e possono quindi essere indagate per danno erariale, dal momento che hanno acquistato con i soldi dei contribuenti dispositivi non regolari".

Mi pare che la nota e le seguenti deduzioni siano esplicite oltre ogni  dubbio.

Il Comune di Cortina, acquistando ed installando le colonnine che avrebbero dovuto rilevare le frequenti violazioni dei limiti di velocitą imposte sul tratto controllato, cosciente del fatto che nessun rilevamento avrebbe potuto essere effettuato da parte di colonnine prive al loro interno degli appositi apparecchi rilevatori, avrebbe agito  in modo illegittimo causando conseguentemente un possibile danno erariale per avere speso soldi dei contribuenti cortinesi (e non) per l'acquisto e l'utilizzo di dispositivi non regolari.

Auspico a questo punto una risposta chiarificatrice ed un fattivo intervento da parte dell'attuale Commissario che certamente sarą a conoscenza della grave situazione che, tra l'altro  e come pił volte denunziato, continua a compromettere la sicurezza  dei pedoni che quei tratti di strada utilizzano e che restano tutt'ora alla mercč di automobilisti e motociclisti sconsiderati ed incivili utenti delle strade che circondano Cortina.

Mi auguro che - finalmente - i tratti stradali ora interessati dalle colonnine farlocche vengano muniti di  idonei rilevatori di velocitą che sconsiglino la violazione dei limiti ivi imposti con appositi cartelli.

Cordialmente

avv. Bruno de' Costanzo

20/01/2017 - Lettere al giornale


COLLEGAMENTI

Lettere, opinioni, commenti

Tutti gli articoli di questa categoria

Voci di Cortina