logo Voci di Cortina
Cassa Rurale Cortina Cooperativa Cortina


Mondiali di sci 2021: Cortina potrà essere candidata unica?

Per la FIS non è sicuramente conveniente rinunciare ad altre candidature

Sia il presidente della Fisi Flavio Roda, sia il vicesindaco Enrico Pompanin hanno detto che si cercherà di ottenere per Cortina la candidatura unica «perché è la quinta volta che ci candidiamo e non ce lo possono negare» (Enrico Pompanin). «Mi pare che dopo così tante candidature la Fis debba tenere in considerazione questa richiesta» (Flavio Roda).

Ma è conveniente per la Fis rinunciare ad altre candidature, per permettere a Cortina di concorrere da sola e, quindi, di vincere?

LE TASSE: il costo della tassa di candidatura ai Mondiali, secondo quanto riportato dalla Fis, è la seguente: For the FIS Alpine World Ski Championships, the registration fee for each candidature is CHF 400,000 and 200 training day.

Cioè 330.000 euro, più l'ospitalità alle nazioni in via di sviluppo (vanno messi a budget circa 20.000 euro), più le presenze obbligatorie ai congressi e lo stand.

Insomma, circa mezzo milione se ne va senza aver ancora fatto nulla. La seconda candidatura -25% (300.000) e dalla terza in poi 50% (200.000). Salvo aumenti, le candidature avranno le stesse tasse anche per il 2021.

La Fis non si è mai espressa ufficialmente sulla candidatura unica. Parrebbe infatti assurdo che per farci un piacere, la Fis rinunci a chi deve darle 330.000 euro per candidarsi, più le giornate sci ai paesi emergenti.

È evidente che la cosa, oltre che assurda dal punto di vista delle finanze, sarebbe controproducente per l'immagine della Fis: significherebbe che i campionati del mondo non interessano a nessuno. Insomma, sarebbe una situazione drammatica, che dovrebbe a questo punto farci riflettere seriamente.

03/03/2015 - Marina Menardi

Pubblicato sul giornale n. 129 - Febbraio 2015


Voci di Cortina