logo Voci di Cortina
Cassa Rurale Cortina Cooperativa Cortina


Brevi analisi delle temperature medie e delle precipitazioni totali annue e stagionali registrate nel 2014 a Belluno

Vengono analizzati i dati della stazione meteorologica automatica dell'ARPAV di Belluno, in località aeroporto e posti a confronto con quelli registrati in città nel passato.

La serie storica di dati meteo della città di Belluno iniziò nel 1875 per quanto riguarda le precipitazioni e nel 1879 per le temperature, ad opera dell'allora "Osservatorio Meteorologico Governativo di Belluno" fondato nel 1872 per iniziativa del Club Alpino Italiano, Sezione di Agordo, con concorso del Governo e del Comune.

Nei decenni successivi la stazione meteo subì vari spostamenti, spostata prima in aeroporto, poi nell'area dello stadio comunale, nel cortile interno del Genio Civile in Via Caffi (fin qui una stazione manuale gestita dall'ex-Ufficio Idrografico del Magistrato alle Acque di Venezia), poi in Viale Europa (da qui stazione automatica della Regione Veneto - ARPAV) e dal 2005 è posizionata nell'attuale sede dell'aeroporto

Questi spostamenti hanno prodotto una certa discontinuità della serie storica, ma grazie ad un appropriato trattamento statistico è stato possibile ridurre al minimo le disomogeneità delle misure negli ultimi 140 anni.

Per poter operare un corretto confronto delle temperature, i valori medi stagionali ed annuali del 2014 e degli ultimi anni, sono stati calcolati con il metodo della semisomma degli estremi giornalieri, come è stato sempre fatto nei decenni passati.


2. Presentazione dei dati


Temperatura annua

La temperatura media annuale del 2014 a Belluno è stata pari a 12.2°C, superiore di ben 1°C alle medie pluriennali del passato (variabili, a seconda del periodo di riferimento, fra 10.8°C e 11.1°C). Si è tratto dell'anno più caldo da quando si effettuano misurazioni ufficiali in città, superando anche il valore del 1898 (media 12.0°C).


Temperature stagionali

La temperatura media invernale, quella del trimestre dicembre 2013-febbraio 2014 (3.8°C), è risultata 2.5°C più alta delle medie pluriennali, risultando la più alta di tutta la serie storica, poco più alta di quella dei miti inverni del 2007 e del 1998 (fino ad allora i più caldi dall'inizio delle misurazioni). La temperatura media primaverile (11.9°C) si è rivelata un po' superiore alla norma.

La temperatura media estiva (19.1°C) è risultata quasi 1.5°C inferiore alle medie pluriennali del passato, risultando simile a quella del 1996, ma non bassa come quella dell'estate 1978. Alcune stagioni estive ancora più fredde di quella del 1978 si ritrovano nella serie storica prima del 1940.

La temperatura media autunnale (13.6°C) è stata 2°C più alta del normale, facendo di questa stagione uno dei cinque autunni più caldi (il più caldo in assoluto fu quello del 1917, con una media di 14.3°C).

Precipitazione annua

Le precipitazioni totali annue sono ammontate a 2293 mm, superiori alle medie pluriennali del 60-80% (in relazione al periodo storico di riferimento). Il 2014 è stato di gran lunga l'anno più piovoso degli ultimi 140 anni. In precedenza gli anni più piovosi per il capoluogo sono risultati il 2010 (1909 mm), il 2008 (1938 mm) ed il 2002 (1939 mm). Prima del 2002 l'unico valore superiore a 1900 mm si ebbe nel lontano 1916.

Precipitazioni stagionali

Le precipitazioni invernali (pioggia più equivalente in acqua della neve), ovvero quelle del trimestre dicembre 2013-febbraio 2014 (867 mm), sono risultate quattro volte superiori alla norma e nettamente le più abbondanti dall'inizio delle osservazioni. Precedentemente l'inverno con precipitazioni maggiori fu quello del 1951, con 603 mm.

Le precipitazioni primaverili (298 mm) si sono rivelate di poco inferiori alla norma.

Le precipitazioni estive (681 mm) sono risultate molto abbondanti, superiori alle medie pluriennali del 60-80% (a seconda del periodo storico di riferimento). A partire 1875 l'estate 2014 va classificata come la seconda più piovosa, dopo quella del 2002 (689 mm). Eccezionale è risultato anche il numero di giornate piovose.

Le precipitazioni autunnali (430 mm) sono state leggermente superiori ai valori normali.


3. Conclusioni


Il 2014 è risultato per Belluno un anno eccezionalmente piovoso e caldo, a causa delle piogge estremamente abbondanti dell'inverno e dell'estate e delle temperature molto più alte del normale delle stesse due stagioni.


ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio

Belluno, 16 gennaio 2015

16/01/2015 - Redazione


Voci di Cortina